Nel 1924 il prete Don Tobia Di Pace ( 1882-1965 ) presidente della “Cassa Rurale e Artigiana di Terranova da Sibari” ( Oggi BCC – Banca di Credito Cooperativo dei Due Mari di Calabria) conosce alla festa di  S.Antonio da Padova il maestro Antonio Armentano ( 1883 – 1954 ) diplomatosi all’accademia musicale “S.Cecilia di Napoli”, nativo di Tarsia e venuto per l’occasione a suonare con la sua banda a Terranova.

Don Tobia propose al maestro Armentano di formare una banda musicale proprio a Terranova, il maestro accettò e iniziò subito le lezioni con i ragazzi del Convento dando vita così alla prima banda musicale città di Terranova da Sibari.

Don Tobia Di Pace

Dopo Armentano la banda passò alla guida del maestro Nicola Aulicino di origine campana ma esiliato politico in Calabria perché antifascista e residente a Figline Vigliaturo, un paesino non molto distante da Cosenza e da Terranova stessa dove successivamente il maestro si spostò per abitarvi in corso Margherita precisamente al numero civico 217 come da sussidio del comune. Grazie al maestro Aulicino la banda fece un grande salto di qualità ma dal 1941 al 1947 le attività si fermarono a causa del secondo conflitto mondiale.

Tra gli anni 1947 e 1948 venne chiamato a dirigere la banda musicale il maestro Silvio Branca ( 1886-1980 ) nativo di San Lorenzo Del Vallo e residente a Terranova proprio in una stanza del municipio all’età di 60 anni.

Maestro molto rigido nel suo lavoro riuscì a portare la banda musicale ad un buon livello di preparazione e ad un consistente organico di 100 persone tra cui 60 musicanti attivi.

Tra il 1950 e il 1952 un altro campano diresse la banda, era il maestro Alessandro Schiavone che abitò a Terranova in quegli anni ospitato dal Comune nell’albergo “Ponticelli” di via L. De Rosa. Successivamente abitò in Corso Margherita proprio dove attualmente risiede il Maestro Aldo Pezzi. Schiavone aveva una banda musicale di circa 70 elementi.

Il Maestro Giuseppe Corrado ( 1915-1987 ) fu il successore del maestro Schiavone, egli nacque ad Oriolo e anche se da ragazzo fu apprendista presso un calzolaio del suo paese, crescendo si dedicò interamente alla musica che riuscì a coltivare nella banda di Oriolo dove suonava il quartino e il sassofono. Autodidatta e conoscitore di tutti gli strumenti della banda raggiunse un’ottima preparazione che subito mise a disposizione per numerose formazioni bandistiche nelle città di Oriolo, Villapiana, Montegiordano e la stessa  Terranova da Sibari dove vi rimase per due anni, precisamente dal 1953 al 1955.

Maestro Corrado Giuseppe

Maestro Corrado Giuseppe

A Terranova abitò in Corso Margherita al numero 233 in compagnia della moglie Maria Domenica Luzzi e del figlio Vincenzo clarinettista della banda di Terranova dove spesso suonava anche il cognato del maestro, il signor Francesco Luzzi, solista flicornista e ben retribuito per le sue doti.

I musicanti di allora ancora raccontano il carattere mite del maestro Corrado e la sua enorme pazienza e capacità di far capire la musica agli allievi. Benvoluto da tutti in paese fu un grande amico della famiglia Berlingieri e della famiglia di Rosadi Domenico ( U Tuscanini ) autista di pullman e vicino di casa del maestro Corrado. Buoni rapporti anche tra il maestro e i suoi allievi con particolare simpatia per il capobanda Romeo Salvatore, clarinettista.

Il repertorio amato da Corrado era rappresentato da opere di Verdi, Bellini, Rossini, Puccini e Beethoven. Compose molte marce per banda e canzonieri. Morì all’età di 72 anni il 6 Luglio 1987.

Successivamente la banda musicale “Città di Terranova” passò sotto la direzione del maestro Cav.Antonio Pezzi fino al 1953.

Nato a Spezzano Albanese il 05 Novembre 1898, Pezzi si avvicina immediatamente all’arte dove, oltre alla musica,  si cimentò anche nella pittura e nella scultura. Durante la prima guerra mondiale il maestro Pezzi fu chiamato sotto le armi e pagò il suo coraggio prima con una grave ferita che gli costò la perdita di un braccio.

Maestro Antonio Pezzi

Maestro Antonio Pezzi

L’incidente non permise al maestro di suonare diversi strumenti ma spinto da una enorme forza di volontà riuscì a dare sfogo della sua enorme passione per la musica suonando il basso tuba.

In ambito militare il maestro Pezzi ottenne grandi riconoscimenti e venne nominato “Cavaliere di Vittorio Veneto”.

Nel 1927 sposa D’Amico Annina dalla quale ebbe otto figli. Tra questi ultimi tre di loro, Alberto Aldo e Giacomo seguirono le orme del padre e diventarono musicanti.

Aldo Pezzi, figlio del maestro Antonio Pezzi diventerà poi un futuro maestro della banda di Terranova da Sibari e riuscirà malgrado mille difficoltà a tenere unito un gruppo ormai esiguo di musicanti fino al 1962 in seguito alla partenza del maestro Oriolo.