Figlio ultimogenito del violinista Johann Ambrosius Bach, Johann Sebastian si dimostrò, degno erede della secolare tradizione familiare, precocissimo talento musicale.

bach.h1

Nel 1693-95 frequentò la scuola di latino di Eisenach e, dopo la morte dei genitori (1694-95), fu accolto a Ohrdruf dal fratello Johann Christoph, che gli impartì lezioni di organo e clavicembalo. Nel 1700 Bach lasciò la famiglia del fratello per recarsi a Lüneburg, dove entrò a far parte del coro della Michaeliskirche e conobbe Georg Böhm.

Frequentò inoltre la biblioteca locale, che raccoglieva numerose musiche dei sec. XVI e XVII. Durante alcuni soggiorni ad Amburgo poté ascoltare J. A. Reinken e forse opere teatrali di Reinhard Keiser.

Dopo essere stato per poco tempo violinista presso la corte di Sassonia-Weimar, nel 1703 divenne organista titolare di S. Bonifacio ad Arnstadt e in breve tempo acquisì una vasta rinomanza come virtuoso.

Nel 1705 si recò a piedi a Lubecca (400 km) per ascoltare il famoso organista Buxtehude e anche con la speranza di succedere all’ormai anziano maestro; ma tale speranza non si attuò: anzi, essendosi Bach fermato a Lubecca quattro mesi invece di uno, perdette il posto ad Arnstadt.
Nel 1707 fu però chiamato all’organo di S. Biagio a Mühlhausen (dove sposò la cugina Maria Barbara) e qui compose un gran numero di pezzi per organo e le prime cantate che ci sono pervenute.

Read the rest of this entry »